Ti trovi qui:->->Come mai non riesco a dimagrire e cosa fare se non riesco a dimagrire

Come mai non riesco a dimagrire e cosa fare se non riesco a dimagrire

Pur mangiando poco non riesco a dimagrire! Dove sbaglio? Quante di voi si ritrovano in questa situazione di stallo del peso? Probabilmente molte! Non sei l’unica dunque. Nella mia pratica quotidiana da nutrizionista lo sento ripetere ogni giorno.

In questa mini guida vorrei darti delle informazioni e rispondere ai tuoi dubbi se non riesci a dimagrire.

Come mai non riesco a dimagrire e perchè non riesco a dimagrire

Sono numerose le situazioni che intervengono nel blocco del dimagrimento, più o meno semplici da verificare e da risolvere. La prima domanda che viene in mente in qualsiasi persona che non riesce a dimagrire è : non riesco a dimagrire dove sbaglio? Perchè non riesco a dimagrire pur mangiando poco?  Perchè non riesco a dimagrire nonostante la dieta? Cosa fare se non riesco a dimagrire?

La prima componente che devi considerare sono le calorie assunte durante la giornata e le calorie nascoste. Molte volte capita che si ingeriscano calorie senza saperlo. Vediamo alcuni esempi:

  • Tutti i sostituti del pane come il pane in cassetta, oppure i crostini industriali oppure i grissini, i crackers ,oltre a contenere una buona quantità di carboidrati contengono una buona percentuale di grassi nella maggior parte dei casi vegetali, che vengono metabolizzati più lentamente rispetto al comune pane da forno. Se ci fate caso a parità di grammi questi sostituti contengono più calorie rispetto al pane, proprio perchè contengono grassi che il pane non contiene. Vale la pena a questo punto mangiarli. A mio modo di vedere no! Sempre meglio il pane.
  • Spesso nell’immaginario collettivo un prodotto salutare significa anche dietetico. Prendiamo un esempio. Lo zucchero ha le sue calorie e viene assorbito velocemente dall’organismo. Una eccessiva quantità di zucchero dovuto  ai numerosi caffè della giornata, possono far aumentare di molto le calorie assunte senza che ci si renda conto. A questo punto molti sostituiscono lo zucchero semplice con quello integrale pensando che abbia meno calorie. Purtroppo non è cosi! La quantità di zucchero e di calorie è praticamente uguale a quelle dello zucchero comune, cambia solo la qualità, che è migliore nello zucchero integrale. Lo stesso discorso vale per la frutta. E’ vero la frutta fa bene perchè contiene vitamine e sali minerali, ma considera che la frutta contiene uno zucchero chiamato fruttosio. Pertanto va benissimo mangiarne, ma una cosa è mangiarne 200 gr al giorno, tutt’altra cosa è mangiarne 1 kg al giorno! Nel secondo caso abbiamo ingerito una grande quantità di zuccheri senza saperlo. Anche il pane integrale contiene più fibre e sali minerali, ma in pratica le calorie sono uguali a quelle del pane bianco.
  • In diversi casi ci sono donne che quasi non mangiano ai pasti principali ed hanno la percezione di magiare poco, ma durante la giornata poi spizzicano o ruminano continuamente. Spesso quando si fanno diversi spuntini durante la mattinata o durante il pomeriggio si va a preferire soprattutto prodotti confezionati che non danno nessun senso di sazietà come ad esempio crostini crackers merendine ecc…Tanto sono leggeri. Quel senso di leggerezza è dato dal fatto che non danno sazietà, ma nonostante ciò hanno una grande quantità di calorie. Quante di voi sedute sul divano piluccano un tarallino dopo l’altro e alla fine non sanno quanti ne hanno mangiati?
  • Mangio tantissima verdura tanto è leggera! Qui il problema non è tanto le calorie che sono veramente esigue per ogni 100 gr, ma è il gonfiore che spesso portano le verdure sopratutto chi soffre di colon irritabile. La fermentazione delle verdure (se non l’hai ancora fatto leggi la mia miniguida sul colon irritabile) porta un forte gonfiore addominale che da sempre quella sensazione di pienezza. Lo stesso vale per i legumi.
  • Mangi spesso fuori casa. Se mangi  fuori casa per motivi lavorativi o organizzativi, ti sarà capitato di mangiare al volo qualcosa! Una focaccia, un panino con affettato oppure hai saltato il pasto completamente. Queste sono le situazioni che più sono critiche se non riesci a dimagrire. La dieta non solo è questione di testa, ma anche di organizzazione. Se riesci ad organizzare la tua giornata alimentare vedrai come si sbloccherà il tuo peso.

Se hai seguito questi consigli probabilmente già avrai trovato la tua soluzione. Ricorda una cosa importante. Non pesarti tutti i giorni perchè il peso risente di numerose variabili, come lo stress, la fase mestruale e ovulatoria, oppure il caldo, ritenzione idrica, stitichezza ecc. Devi dare al tuo corpo il tempo di prendere respiro e permettere di bruciare grasso, ma se ti pesi tutti i giorni vedrai solo delle oscillazioni di peso dovuti ai suddetti fattori. Il giusto è pesarsi ogni 2 settimane, questo ti permette di avere il polso della tua perdita senza avere brutte sorprese che ti inducono a buttare tutto all’aria.

Guarda anche il mio video su qual è la dieta migliore per dimagrire

Perchè non riesco a dimagrire facendo palestra

Ormai hai preso la decisione! Vuoi dimagrire a tutti i costi. Dunque con tutte le buone intenzioni vai a correre la mattina o ti iscrivi in palestra. Inizi e dopo due settimane ti pesi. Non sei dimagrita nemmeno di un grammo! La tua bilancia da lo stesso peso di quando avevi iniziato. A questo punto getti la spugna. Basta! Non riuscirò mai a dimagrire. Ti prende lo sconforto e torni a mangiare più di prima tanto i sacrifici non sono ricompensati.

Vediamo quali sono le cause per cui non riesci a dimagrire pur facendo palestra:

  • Se non sei abituata a fare attività fisica o erano anni che non la fecevi è probabile che inizialmente tu abbia avuto una esplosione di massa muscolare. Quando ti capita questa situazione devi tener conto che la massa muscolare ha un volume minore del grasso, ma un peso maggiore. Pertanto in queste situazioni accade che probabilmente tu stia perdendo effettivamente grasso, ma che contemporaneamente tu abbia messo massa muscolare e la perdita di peso del grasso sia stata compensata dall’aumento del peso della massa muscolare. Stai facendo una ricomposizione corporea. Non mollare! Dopo un po di tempo la tua massa muscolare si stabilizzerà e vedrai la perdita di peso relativa al grasso perso.
  • Se fai attività fisica ricorda che contemporaneamente devi fare una dieta affinchè il tuo peso cali. L’attività fisica senza dieta non ti permetterà di perdere peso, ma solo di aumentare la massa muscolare. Ecco perchè non riesci a dimagrire pur facendo la palestra. Naturalmente quando fai attività fisica devi dare le giuste calorie all’organismo per sostenere il ritmo, ma devi concentrare le tue calorie e sopratutto i carboidrati e le proteine subito dopo l’attività. Questa tecnica si chiama Timing. Ricordati però una cosa imporartante. Se in un’ora di attività bruci 200 kcal fai attenzione a quello che mangi. Basta aver mangiato 2 frutti in più che hai compensato tutte le calorie bruciate.
  • Ultimo consiglio che mi sento di darti quando vuoi dimagrire è di considerare il tipo di attività fisica che fai e la frequenza! Ci sono tipologie di attività fisiche molto blande come la camminata veloce, che sicuramente ti aiutano a migliorare il fitness e dunque a potenziare il sistema cardiovascolare, ma ricorda che per innescare il processo di lipolisi, cioè quel processo che fisiologico che ti permette di bruciare il grasso in eccesso, devi andare a passo sostenuto per più di 30 minuti ed è li che inizierai a bruciare grasso. Inoltre tieni sempre in considerazione la frequenza con cui fai attività fisica. 4 volte a settimana è molto meglio di due.

Perchè non riesco a dimagrire in menopausa

La menopausa non è una malattia, ma è un evento fisiologico del corpo della donna! Nonostante ciò ci sono cambiamenti che avvengono nella composizione e nella fisiologia del corpo.

Una delle caratteristiche della premenopausa e della menopausa è i cambiamento della conformazione del corpo. Durante questo periodo spesso accade che si ha un aumento del volume della parte alta del corpo, mentre si assottiglia la parte bassa del corpo come i fianchi e le gambe. Senti che la pancia, le braccia, il seno inizia ad aumentare a dismisura senza capirne il motivo. Questo è uno dei periodi più critici in cui si possono aumentare svariati chili. Questo cambiamento è dovuto alla diminuzione degli ormoni estrogeni associati alla menopausa e il conseguente cambio di metabolismo

Vediamo alcune caratteristiche che non ti permettono di dimagrire durante la menopausa.

  • La menopausa è associata sicuramente ad una perdita di metabolismo, segna un limite fra quello che un metabolismo efficiente e un metabolismo lento. Il motivo è molto semplice: si ha un rallentamento di tutte le funzioni cellulari, meccanismo che inizia già dai 35 anni in poi, ma che è più evidente con la menopausa. Questa è uno dei motivi per cui se prima della menopausa potevi mangiare di tutto mantenendo stabile il peso (non sempre alcune hanno già di per se una tendenza ad aumentare di peso già prima della menopausa) adesso fai una forte difficoltà a mantenere un peso stabile e ti basta una pizza in più per mettere qualche chilo. Tutto ciò e normale! A questo punto hai 2 anzi 3 strade da intraprendere per mantenere un metabolismo efficiente. La prima è diminuire le porzioni di quello che mangi eliminando sopratutto i prodotti confezionati. La seconda è iniziare una attività fisica costante, la terza che ti consiglio vivamente è quella di diminuire le porzioni e fare attività fisica contemporaneamente. In questo modo manterrai il tuo metabolismo efficiente e potrai addirittura dimagrire.

Guarda anche il mio video su come dare una scossa al tuo metabolismo

  • Durante la menopausa diminuisce l’efficienza del metabolismo dei grassi e dei carboidrati. Per questo motivo devi fare attenzione a tutti i grassi nascosti sopratutto derivanti dai prodotti confezionati come le merendine o il cibo spazzatura, che contiene sopratutto olii vegetali che si comportano come grassi saturi nel corpo, cioè tutti quei grassi che che sono critici per la nostra salute. Inoltre fai attenzione alla quantità di carboidrati che assumi durante la giornata. Non solo devi porre attenzione agli zuccheri semplici presenti nella marmellata, nello zucchero da cucina, ma anche a quegli zuccheri presenti nei prodotti che non penseresti mai che facciano male, come ad esempio la frutta. La frutta fa bene perchè contiene fibre e sali minerali, ma contiene anche fruttosio che è lo zucchero naturale della frutta. Dunque mangiane 200 gr non un kilo al giorno!
  • Durante la menopausa un importante cambiamento che si ha livello della massa muscolare. Questo processo viene chiamato Sarcopenia. In pratica si tratta di un processo di perdita di massa muscolare dovuta alla sedentarietà aggravata dal calo degli estrogeni. Purtroppo questo è un evento molto comune che spesso viene sottovalutato. Il muscolo ha un suo metabolismo che di per se non è altissimo, ma siccome abbia più di 700 muscoli nel corpo una loro diminuzione determina una forte perdita di metabolismo. Cosa fare nel caso ti venga diagnosticata una sarcopenia. Cerca di fare attività fisica anaerobica in modo da tenere alto il tono muscolare e cerca di diminuire i prodotti che contengono grassi saturi sopratutto del cibo spazzatura che vanno ad infiammare il corpo e accelerare il processo di perdita di massa muscolare. Se puoi mangia molto pesce che contiene omega 3 sopratutto salmone, sgombro, tonno ecc.

Guarda anche il mio video sui 4 consigli utili per dimagrire in menopausa

Perchè non riesco a dimagrire la pancia

La pancia nella maggior parte dei casi è il sito di stoccaggio della persona che aumenta di peso. E’ una caratteristica comune a tutti gli uomini che hanno una sensibilità maggiore a depositare grasso nella pancia, ma anche nelle donne in sovrappeso si ritrova un aumento del grasso sia nella zona dei fianchi sia nella zone della pancia. Tale caratteristica è dovuta al fatto che le cellule adipose della pancia hanno la capacità di assorbire i lipidi in modo più efficiente che in altre zone del corpo a causa delle loro caratteristiche biochimiche. Spesso il grasso della pancia ha la caratteristica di essere molto sensibile alle diete e all’attività fisica, ma nonostante ciò ci sono alcune cause che rendono il dimagrimento più lento in quella zona. Vediamo dunque alcune cause del perchè non riesci a dimagrire la pancia. Ti consiglio anche di vedere il mio articolo sulla dieta per dimagrire la pancia.

  • Il grasso della pancia (sia il viscerale che il profondo) è molto sensibile ad una alimentazione ricca di carboidrati e grassi saturi. Un loro eccesso fa si che ci sia un aumento sensibile dell’insulina che permette il facile stoccaggio dei grassi nella zone interessata. Cosa fare dunque? La dieta in questo caso deve essere ipocalorica e povera di carboidrati, prodotti confezionati e affettati.
  • Se soffri di colon irritabile (puoi vedere anche la mia guida su come curare il  colon irritabile) è probabile che nonostante tu faccia la dieta abbia una grande quantità di aria nella pancia che ti fa sentir sempre gonfia. Nonostante tu mangi poco la pancia e sempre li e i pantaloni ti stringono sempre. In questi devi eliminare per almeno un mese tutti gli alimenti che sono critici per il tuo intestino. Puoi capire come mangiare guardando il mio articolo sul colon irritabile
  • Se sei stitica allora è normale che tu non riesca dimagrire la pancia e ci sia sempre quella sensazione di pienezza. Oltre a bere tanto e diminuire la tua sedentarietà, prova a mangiare 2 kiwi maturi al mattino con molta acqua, oppure a fare una colazione con Kefyr, semi di lino e semi di chia.
  • Ci sono poi problematiche ormonali e stressogene che inducono a non farti dimagrire la pancia. Leggi i paragrafi successivi dedicati per capire come fare

Guarda anche il mio video sui 5 consigli utili per dimagrire la pancia

Perchè non riesco a dimagrire le gambe, le cosce e le braccia

Lo vediamo tutti i giorni le donne accumulano più facilmente grasso sulle cosce le gambe e le braccia, sopratutto nell’età fertile. Il motivo è semplice: gli estrogeni fanno si che la donna abbia una conformazione più ginoide cioè a pera e che accumulino più grasso in queste zone. Ma il bello delle donne può essere anche un problema quando gli accumuli sono troppo accentuati rispetto all’armonia del corpo femminile. Perchè dunque non riesci a dimagrire sulle gambe, le cosce e le braccia? La causa è da ricercarsi nel tipo di cellule presenti in queste zone. Hanno caratteristiche biochimiche ben precise. Sono programmate geneticamente per accumulare grasso. Avete presente le porte antipanico?Ecco le cellule in questione hanno funzionamento simile! in pratica hanno una ficile apertura da un lato, ma dall’altro c’è bisogno della chiave per aprirle. In pratica fanno entrare facilmente grasso al loro interno, mentre difficilmente lo fanno uscire. Per far uscire il grasso c’è bisogno di una chiave precisa. Questa chiave è la dieta ipoglucidica. Infatti per loro natura queste cellule sono molto sensibili all’insulina. Se riusciamo a fare leva sulla diminuzione dell’insulina attraverso una dieta ipoglucidica o in casi estremi tramite una dieta chetegena saremo in grado di migliorare l’efficienza con cui le cellule delle cosce delle braccia e delle gambe rilasciano il grasso per essere bruciato.

Fai attenzione anche alla ritenzione idrica delle gambe in quanto aumentano molto il volume dandoti sempre una sensazione di gonfiore. Per questo puoi anche vedere il mio articolo sulla dieta per la ritenzione idrica.

Guarda anche il mio video sulle 5 cause comuni della ritenzione idrica.

In alcuni casi ti chiederai perchè non riesco a dimagrire da quando prendo la pillola. Il motivo è semplice. La pillola anticoncezionale porta in alcuni casi sopratutto per le pillole di vecchia generazione una forte ritenzione idrica, e questo ti porta uno stato di forte gonfiore. Alcune volte ti può capitare anche sbalzi di peso repentini di 1 o 2 chili da un giorno all’altro. Oltre a seguire i semplici consigli di cui sopra puoi anche sottoporti a dei semplici massaggi manuali linfodrenanti che vanno a svuotare l’acqua in eccesso (vedi anche il mio articolo sui massaggi linfodrenanti). Fai attenzione sopratutto al carico dei carboidrati giornalieri come detto in precedenza in quanto anche la pillola interferisce con il metabolismo dell’insulina.

Guarda anche il mio video su 5 consigli per sconfiggere la ritenzione idrica

Non riesco a dimagrire problemi ormonali

Una delle cause più sottovalutate sono i problemi di blocco del dimagrimento in seguito a cause ormonali. Vediamo alcuni problemi ormonali relativi al fatto che non riesci a dimagrire.

  • Il cortisolo è un ormone che interviene nella gestione e nell’adattamento a situazioni di stress emotivo e fisiologico. Un suo aumento è dato da patologie vere e proprie come la sindrome di cushing, da eventi fortemente stressogeni oppure da una disregolazione dell’orologio biologico. Un suo aumento dovuto a cause patologiche è spesso associato ad un aumento dell’insulina e della glicemia, forte ritenzione idrica, aumento della pressione arteriosa perdita di massa magra. Spesso un forte aumento protratto nel tempo del cortisolo può portare ad un blocco del dimagrimento. In questi casi può servire anche solo una dieta ipocalorica classica, mentre in casi più gravi è necessario una dieta fortemente ipoglucidica o addirittura chetogena
  • L’insulina è un ormone che interviene in numerosi processi fisiologici. E’ l’ormone anabolico per eccellenza in quanto permette di incamerare proteine all’interno del muscolo, regola la glicemia, ma permette anche di incamerare grasso. Uno stato di continua ipersinsulinemia o insulinoresistenza (guarda anche il mio articolo sull’insulinoresistenza) determina una facilità ad aumentare di peso e una forte difficoltà a dimagrire. Il questi casi la dieta deve essere ipoglucidica. Uno stato di insulino resistenza può essere associato anche ad un ovaio policistico che non ti permette di dimagrire determinando irregolarità mestruale ed infertilità. La perdita del 10% del peso iniziale di per se aiuta a migliorare il quadro di salute e la regolarità mestruale.

Guarda il mio video su come sconfiggere l’insulino resistenza

Sono ipotiroidea e non riesco a dimagrire

Numerosi pazienti spesso lamentano un inspiegabile aumento di peso oppure una forte difficoltà a dimagrire a seguito a problemi tiroidei. Tale evento può essere accompagnato da altri sintomi come forte ritenzione idrica, stanchezza, perdita dei capelli oppure irregolarità del ciclo mestruale.

La tiroide svolge un ruolo importantissimo nella regolazione del metabolismo e in particolare di tutti quei metabolismi che vengono stimolati da stress esterni come il freddo o l’alimentazione. Grazie ai suoi ormoni T4 e sopratutto T3 le cellule lavorano al massimo dell’efficienza metabolica, consumando ossigeno e dunque bruciando energia. Una tiroide efficiente dunque, permette di adattare il nostro organismo a situazioni di surplus calorico permettendo di bruciare quello che mangiamo. In una tiroide lenta invece accade che gli ormoni sono meno efficienti nel permettere al nostro organismo di bruciare grasso. Il dimagrimento, in questi, diventa difficile oppure molto lento. Si cerca allora di rivolgersi a soluzioni dietetiche drastiche, ma che hanno una efficacia molto blanda.

Cosa fare dunque?

La prima cosa importante è rivolgersi ad uno specialista endocrinologo che aiuti a trovare la terapia migliore per il problema. Dal punto di vista dietetico invece, è importante intervenire sul metabolismo e su diete specifiche che permettano alle cellule di essere maggiormente efficienti e recettive agli ormoni tiroidei.

La misurazione del metabolismo basale tramite calorimetria indiretta permette di capire in che percentuale il metabolismo stia soffrendo il rallentamento tiroideo. In base al suo risultato è possibile capire come intervenire dieteticamente. Inoltre è importante associare test che permettano di individuare la composizione lipidica della membrana cellulare in modo da calibrare la qualità della dieta e permettere alla cellula stessa di essere più recettiva agli ormoni.

Perchè non riesco a dimagrire dopo il parto e perchè non riesco a dimagrire in allattamento

Si dice spesso che l’allattamento fa dimagrire, sembra strano ma in una alta percentuali dei casi non si dimagrisce, ma si ingrassa o si hanno problemi a perdere peso.

Dopo il parto e durante l’allattamento viene prodotto un ormone chiamato Prolattina. Questo ormone permette di produrre il latte materno da dal grasso depositato. Questo ormone ha la caratteristica di produrre una forte ritenzione idrica e una forte fame. Inoltre blocca i processi di lipolisi cioè quei processi che permettono di bruciare grasso.

Il problema per cui non riesci a dimagrire dopo il parto o durante l’allattamento è duplice. Il primo è che la forte fame biologica, se non controllata adeguatamente ti induce a piluccare spesso ingerendo calorie. Il secondo è che nonostante la dieta a causa delle caratteristiche suddette della prolattina è più difficile perdere grasso.

Il mio consiglio, se sei in allattamento, è quello di posticipare il periodo di perdita di peso, mentre di rivolgerti ad un nutrizionista per adeguare la tua alimentazione all’allattamento. Fare una dieta fortemente ipocalorica inoltre potrebbe darti un latte più leggero e meno nutriente che induce tuo figlio a succhiare di più e più frequentemente.

Se pensi invece che sia ora di smettere di allattare, allora una dieta ipocalorica ti aiuterà in assenza di altri problemi di salute a farti dimagrire. Probabilmente subito dopo aver smesso di allattare il dimagrimento sarà più lento, ma con il tempo riuscirai a sbloccare la situazione.

Sono vegetariana e non riesco a dimagrire

Capita spesso che il passaggio alla dieta vegetariana e in particolare quella vegana determini nel paziente un forte aumento di peso. Il problema è dovuto al fatto che precedentemente nella dieta onnivora la dieta è più proteica e mono glucidica, mentre nel passaggio alla dieta vegetariana spesso l’alimentazione è più glucidica e spesso anche più grassa in quanto molti tendono a mangiare più derivati del latte e prodotti a base di soia che spesso contengono grassi vegetali. Il problema diventa più critico nel momento in cui la persona soffre di insulinoresistenza oppure di un metabolismo dei carboidrati più lento rispetto al normale.

Per esperienza posso dirti che migliorando la qualità dell’alimentazione e facendo una dieta ipocalorica si riesce tranquillamente a dimagrire, anche se la dieta sarà necessariamente più glucidica rispetto ad una dieta onnivora.

Sono celiaca e non riesco a dimagrire

Molti pazienti dopo la diagnosi di celiachia sopratutto in età adulta, aumentano di peso oppure fanno una forte difficoltà a dimagrire.

  • Perché i pazienti aumentano di peso dopo l’inizio della alimentazione priva di glutine?
    L’assorbimento dei nutrienti migliora e quindi l’introito calorico aumenta a parità di introito alimentare
  • Il senso di sazietà viene raggiunto a livelli di introito calorico più elevato, per il ridotto contenuto di fibra della dieta priva di glutine e per la scomparsa dei disturbi digestivi come il meteorismo
  • I pazienti tendono naturalmente a mantenere invariato il livello di dispendio calorico (attività fisica)
  • Una cattiva scelta degli alimenti privi di glutine può comportare un significativo aumento dell’introduzione di grassi e calorie: es. passare dal pane ai derivati del pane come crackers o grissini aumenta il contenuto di grassi da 2 a 10-14 g per 100 di prodotto e il contenuto calorico di 90 kcal per 100 g di prodotto

Come fare dunque?

Prescrizione dietetica non deve tenere conto solo della presenza/assenza di glutine

•Va dato il giusto risalto al contenuto in calorie e grassi dei vali alimenti

•Il paziente deve essere edotto sul contenuto nutrizionale dei vari alimenti e sulla lettura delle etichette

•Il paziente deve acquisire la capacità di fare scelte alimentari appropriate

•Il ruolo dell’esercizio fisico nel mantenimento di un buono stato di salute va enfatizzato soprattutto per il suo ruolo nel recupero/mantenimento della massa magra

•Il metodo migliore di pianificazione consiste in un percorso educativo teso a rendere il paziente in grado di fare autonomamente scelte appropriate

Se vuoi ulteriori informazioni  o vuoi prenotare una visita compila il seguente form:

Nome

Cognome

Citta'

Email

Telefono

Presto il consenso al trattamento dei dati inseriti nel form (obbligatorio). Per maggiori info consulta la Politica sulla Privacy

11,311 Visite totali, 4 visite odierne

By | 2018-10-14T16:15:45+00:00 25/06/2018|Categories: Dimagrire|